BRUXELLES – IL PRIMO FORUM EUROPEO SUL COINVOLGIMENTO DEL PAZIENTE ESPERTO

Eventi, News

Riportiamo con piacere l’articolo di Paola Kruger (paziente Esperto EUPATI) che ha partecipato attivamente al Patient Engagement Open Forum di Bruxelles organizzato da EUPATI-PARADIGM-PFMD il 18 e 19 settembre 2019.

E’ stata un’esperienza unica e fantastica, sia per la partecipazione numerosa e variegata, sia per l’impegno di tutti durante le sessioni parallele che hanno permesso di dare un feedback significativo al progetto PARADIGM. Le sessioni hanno seguito la logica della co-creazione, per cui in piccoli tavoli tutti hanno dato il proprio contributo in maniera attiva. Ho avuto il privilegio di condurre uno dei workshop sui Patient Reported Outcomes con due colleghe e ho toccato con mano la grande disponibilità alla collaborazione dei presenti.

La partecipazione è stata entusiasta da parte di tutti, permettendo ai pazienti di confrontarsi con l’agenzia regolatoria (EMA, presente con vari delegati) e con i rappresentanti dell’industria farmaceutica nello sforzo di comprendere le reciproche necessità e soprattutto trovare punti in comune per promuovere il coinvolgimento dei pazienti nella ricerca in una modalità che sia quanto più condivisa possibile.. A tutte le sessioni a cui ho partecipato ho trovato grande disponibilità e voglia di trovare soluzioni, nessuno si è schierato nel proprio campo in posizione difensiva, bensì era chiaro che quanto più si  condividessero le proprie convinzioni, problematiche e procedure tanto più si sarebbero fatti progressi per rispondere ad alcuni dei quesiti a cui è giunto PARADIGM dopo un anno di lavoro.

Sono due i punti che più di tutti mi sono portata con me da questa esperienza: la consapevolezza, riconosciuta anche dalle aziende farmaceutiche, che il panorama dei pazienti attivi in ambito ricerca è diventato molto variegato e non si limita più solo alle associazioni pazienti, poiché ci sono anche Pazienti Esperti, Patient Advocates, Influencers, etc.. che contribuiscono a creare un substrato complesso, ma anche molto ricco di spunti e collaborazioni.

Le differenze tra la realtà delle malattie rare e quella delle grandi cronicità è sempre più forte, con esigenze e dinamiche sempre più diverse, per cui sarà sempre più difficile trovare soluzioni “one size fits all”, bensì bisognerà creare dei framework comuni di partecipazione alla ricerca all’interno dei quali i due gruppi possano declinare le proprie caratteristiche.

La riflessione conclusiva è stata sul fatto che 5 anni fa un evento come questo non si sarebbe potuto fare, mentre l’edizione 2019 ha visto la partecipazione attiva di più di 250 persone.

Articolo precedente
#AFI, incontro del 14 Settembre in piazza Regione Lombardia a Milano.
Articolo successivo
Settimana delle biotecnologie a Milano
Menu