Home Attività Accademia dei Pazienti AdP al Workshop su medicina narrativa e nuove tecnologie

AdP al Workshop su medicina narrativa e nuove tecnologie

276
0
CONDIVIDI

Come coniugare narrazione e nuove tecnologie?

Questa è la domanda alla quale vuole dare una risposta il Workshop, dal titolo “Le narrazioni vestite di tecnologie. Come cambiano le storie e il loro uso nell’era digitale”, organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Center for Digital Health in collaborazione con Istituti Fisioterapici Ospedalieri.

All’evento, che si terrà giovedì 1 febbraio a Roma, parteciperà anche Dominique Van Doorne – VicePresidente dell’Accademia dei Pazienti – la quale modererà insieme a Mirella Taranto – Capo Ufficio Stampa dell’ISS – la sessione pomeridiana. La giornata di lavoro intende esplorare la relazione tra narrazioni e nuove tecnologie.

La medicina narrativa (narrative based medicine) può favorire l’empowerment dei cittadini, inclusi pazienti e loro familiari, professionisti sanitari e socio-sanitari, al fine di tutelare e promuovere la salute pubblica. Al tempo stesso, le nuove tecnologie aprono nuove possibilità e nuovi modelli relazionali.
 In passato, le innovazioni tecnologiche hanno offerto a medici ed operatori della salute strumenti sempre più sofisticati e accurati. L’impatto della rivoluzione digitale attuale è diverso: la digital health mette a disposizione del singolo un insieme di strumenti di misurazione, direttamente sullo smartphone. In tempo reale, è possibile misurare la glicemia, il battito cardiaco, il respiro e aggregare i dati in grafici sempre accessibili e aggiornati.
 Nello stesso tempo, le conversazioni online sulla malattia e le terapie consentono di condividere con altri pazienti le paure, le aspettative, gli effetti dei farmaci. 
Tutto questo rende più complessa la scena dell’atto terapeutico e le condizioni della sua efficacia. Insieme misurazioni e narrazioni creano un’esperienza della malattia e delle terapie che nasce e si sviluppa al di fuori del contesto strettamente medico, con rischi ma anche opportunità nuove.
 Rischi come una progressiva disintermediazione e delegittimazione della medicina come riferimento di saperi e metodi per la gestione della salute. Opportunità come lo sviluppo di nuovi paradigmi epidemiologici, diagnostici e terapeutici che integrino narrazioni e tecnologie, in un’ottica bio-psico-sociale.

Durante il workshop è previsto uno spazio per la presentazione di esperienze che coniughino medicina narrativa e nuove tecnologie.

Scaricate il programma dell’evento.