Comunicato Stampa – Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI, entra nel CE del San Raffaele, come auditore

Comunicati, News

 

Milano, 5 Luglio 2021 – Per la prima volta in Italia, al San Raffaele di Milano, un Paziente Esperto EUPATI entra a far parte del Comitato Etico di un Ospedale in qualità di auditore

Tra AdPEE (Accademia del Paziente Esperto EUPATI) e IRCSS Ospedale San Raffaele è stato sottoscritto un Protocollo di intesa che prevede la partecipazione alle sedute del Comitato Etico dell’Ospedale di un Paziente Esperto EUPATI, in qualità di auditore.

 

Ormai l’inclusione dei pazienti è stata pienamente accolta dal nostro sistema normativo e pertanto i Pazienti Esperti EUPATI possono intervenire, aiutando i ricercatori a capire cosa è veramente etico per i pazienti.

In questa occasione, siamo tuttavia di fronte ad una novità assoluta, in quanto è la prima volta che un Paziente Esperto EUPATI (ovvero, formato in ricerca e sviluppo dei farmaci), fa il suo ingresso in un Comitato Etico.

La dott.ssa Dominique Van Doorne, Presidente di AdPEE ha accolto questa notizia con particolare entusiasmo “Siamo fieri di questo incarico. In particolare, ringraziamo il San Raffaele, in quanto è il primo ospedale ad avere capito l’importanza della presenza all’interno di un Comitato Etico di un Paziente Esperto in ricerca e sviluppo dei farmaci: questo è un valore aggiunto, in quanto il Paziente Esperto EUPATI è una persona in grado di capire tutte le tappe degli studi clinici e sa leggere il dossier intero del farmaco. Per il futuro ci potrebbe essere la possibilità di inserire il paziente esperto quale membro del CE, se i nuovi decreti attuativi lo consentiranno “.

 

Afferma la dott.ssa Elisabetta Riva, Presidente del Comitato Etico IRCCS Ospedale San Raffaele:

Potenziare la voce dei pazienti, includendo nel Comitato Etico  dell’ IRCCS Ospedale San Raffaele la figura di un “paziente esperto, in qualita’ di auditore, dimostra l’ attenzione crescente del comitato  alle esigenze del malato che partecipa alla sperimentazione, in particolare ponendo ancora più cura e sensibilità nella revisione  del foglio informativo e modulo di consenso informato, di tutto il materiale per il paziente, di alcuni aspetti del disegno dello studio,  fino alla promozione di interventi formativi all’interno degli ospedali che afferiscono al nostro CE. La presenza di un paziente esperto, insieme con i rappresentanti delle associazioni pazienti, e di tutti i membri componenti del CE che in particolare si occupano di queste tematiche ,  rappresenterà quindi  un ulteriore elemento di forza del nostro comitato etico al  fine comune di promuovere, quanto più possibile, e in misura sempre più concreta , il bene dei nostri pazienti” 

 

Paola Kruger*, infine, si è dichiarata molto felice di questo incarico, affermando che “La competenza più che mai deve essere al servizio della ricerca e la formazione EUPATI fornisce i giusti strumenti per far sì che il contributo del paziente non sia soltanto formale, bensì sostanziale”

e aggiunge sono molteplici gli ambiti in cui un Paziente Esperto EUPATI può fornire un contributo importante al CE grazie alla formazione ricevuta: a cominciare dalla valutazione ed eventuale revisione del materiale per i pazienti, alla possibilità di esprimere un’opinione informata riguardo al disegno dello studio, con particolare attenzione agli aspetti di qualità di vita”.

Conclude Kruger “Il cambio di paradigma è includere il paziente non solo per gli aspetti esperienziali della patologia, bensì anche come conoscitore dei meccanismi della ricerca clinica, grazie alle conoscenze di alto livello acquisite con il corso EUPATI”.

 

*Paola Kruger ha un background nell’ambito delle Relazioni Istituzionali Europee. Dopo la diagnosi di malattia cronica neurologica nel 2010 ha diretto il suo interesse verso la Patient Advocacy ed in particolare al ruolo dei pazienti nella ricerca ed è membro di Advisory Board internazionali sulla ricerca clinica e sviluppo di soluzioni digitali. Ha partecipato al corso EUPATI – Europe (European Patient Academy on Therapeutic Innovation) e ha conseguito il diploma di Paziente Esperto EUPATI nel 2016. Inserita nella lista di Patient Experts dell’EMA (European Medicines Agency), membro del Patient Roundtable di ISPOR Europe e docente sul tema del Patient Engagement nella sperimentazione clinica, promuove l’inclusione e partecipazione dei pazienti nella ricerca.

 

L’Aps Accademia del Paziente Esperto EUPATI (AdPEE), fondata a Roma nel 2014, nasce con l’obiettivo di offrire una formazione altamente qualificata nell’ambito della Ricerca e Sviluppo (R&S) dei Farmaci e di tutte le Innovazioni Terapeutiche, attraverso un corso annuale, giunto ad oggi alla sua seconda edizione.

In linea con gli obiettivi perseguiti dal progetto europeo, la formazione AdPEE punta a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di formare Pazienti e Caregiver, facendoli diventare soggetti coinvolti e attivi nella gestione della salute.

 

Ospedale San Raffaele è una struttura clinico-scientifico-universitaria di rilievo internazionale e di alta specializzazione per diverse importanti patologie, inaugurata nel 1971 e riconosciuta nel 1972 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS). È un Centro di Emergenza ad Alta Specialità (E.A.S.) ed è polo didattico-assistenziale dell’Università Vita-Salute San Raffaele. Nel maggio 2012 il San Raffaele è entrato a far parte del Gruppo Ospedaliero San Donato, diventando così una delle 19 strutture d’eccellenza del più importante gruppo sanitario del Paese. L’IRCCS Ospedale San Raffaele è un policlinico accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale con oltre 60 specialità cliniche. La struttura multidisciplinare, tecnologicamente all’avanguardia, e l’interazione continua tra ricerca scientifica, didattica e attività clinica hanno permesso di ottenere negli anni risultati tali da posizionare l’IRCCS Ospedale San Raffaele in cima alle classifica italiana per produttività scientifica e un punto di riferimento in Europa e nel mondo per lo studio e la cura di molte patologie e per lo sviluppo di terapie innovative.

 

Per maggiori informazioni:

AdPEE Accademia del Paziente Esperto EUPATI

Via Pietro De Francisci, 36, 00165 Roma

+39 331-779.4113

email: team@accademiadeipazienti.it

www.accademiadeipazienti.org

 

Articolo precedente
Affari Regolatori: prosegue la formazione EUPATI
Articolo successivo
Aperte le iscrizioni alla terza edizione del Corso EUPATI  
Menu