Home Attività Accademia dei Pazienti I sei tempi dell’oncologia: giornalisti a lezione con UNAMSI, CIPOMO e con...

I sei tempi dell’oncologia: giornalisti a lezione con UNAMSI, CIPOMO e con la partecipazione di AdP

363
0
CONDIVIDI

Nuove speranze, nuove ricerche, nuove terapie: luci e ombre in sei tempi” è questo il titolo del corso per giornalisti ideato e organizzato da UNAMSI (Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione) e CIPOMO (Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri), che si terrà il prossimo lunedì 28 maggio, dalle 13.00 alle 18.00, presso l’Aula Magna dell’Ospedale Buzzi a Milano, e che vede la partecipazione dell’Accademia dei Pazienti.

Il corso, che riconosce 5 crediti formativi, è aperto a tutti i giornalisti e avrà come oggetto l’oncologia, approfondita attraverso differenti angolazioni legate al concetto del “Tempo”.  Diversi saranno i relatori che interverranno durante l’incontro e, in ogni intervento, sarà analizzato il punto di vista della ricerca, dell’industria, della stampa e del paziente.

Tra i relatori sarà presente Stefano Mazzariol, Paziente Esperto EUPATI e in rappresentanza dell’Accademia dei Pazienti, che porterà la visione del paziente con un intervento dal titolo “Il tempo che non c’è”.

In oncologia si sta vivendo un importante momento di cambiamento, gli ultimi filoni di ricerca in molti casi stanno migliorando in modo significativo le prospettive di sopravvivenza dei malati. E in questo cambiamento stiamo assistendo ad un processo sempre più diffuso e ormai irreversibile: il coinvolgimento attivo del paziente a tutti i livelli della ricerca e sviluppo di farmaci e terapie, e nelle politiche sanitarie.

In questo nuovo panorama, una formazione di alto livello è un requisito fondamentale per tutti quei pazienti, o caregiver, che decidono di diventare interlocutori efficaci, portando pareri, consigli e collaborando a valutare quanto una terapia sia in grado di modificare aspettativa, e soprattutto qualità di vita, nella sua applicazione appropriata.

Ma accanto alla formazione dei Pazienti Esperti deve esserci una corretta informazione sui temi medico-scientifici che possa aiutare pazienti e cittadini a conoscere il complesso percorso di sviluppo delle potenziali terapie, e dare gli strumenti per poter distinguere tra notizia e bufala, tra potenziale terapia e scoperta ancora in fase pre-clinica.

“Sono davvero onorato di poter rappresentare l’Accademia dei Pazienti, e la visione di EUPATI in generale, in un corso come questo – dichiara Stefano Mazzariol – Questa è la dimostrazione che c’è possibilità di collaborazione anche tra pazienti esperti e giornalisti del settore, puntando al comune obiettivo di informare mantenendo un ottimale equilibrio tra aspettative e prospettive di cura”.

“Certamente un giornalista più informato sui temi della salute, in questo caso della lotta al cancro, sarebbe anche un professionista dell’informazione più consapevole, responsabile e corretto”, commenta Franco Marchetti, Presidente di UNAMSI.

 

Leggete il Comunicato Stampa dell’evento

Scaricate la Locandina dell’evento